Che responsabilità ha il garante nei contratti di finanziamento?

09.08.2021

A buone intenzioni non sempre corrispondono esiti felici

Così, può capitare che chi si offre come garante per far ottenere liquidità al figlio, al fratello o alla persona amata, possa ritrovarsi a pagare - letteralmente - le conseguenze dell'altrui inadempienza.

Esempio. Un tuo carissimo amico ti chiede di garantire per lui il mutuo sottoscritto per ristrutturare casa. Nonostante lavori da anni per la stessa azienda, infatti, non è "appetibile" agli occhi delle banche causa contratto di lavoro a tempo determinato.

Tu ti fidi e ci metti la faccia. Del resto pensi che non ti costi nulla, che non implichi alcun coinvolgimento concreto, reale e materiale da parte tua. Il tuo amico intestatario del mutuo ti ha rassicurato: è una semplice formalità, si tratta solo di una firma. E invece...

Invece, se il tuo amico NON pagherà una o più rate, anche se né lui né la banca ti avviseranno (la legge infatti non impone a quest'ultima di farlo), ti ritroverai costretto a mettere TU mano al portafoglio per metterci una pezza. In caso contrario sarai segnalato come cattivo pagatore.

Morale della favola: se ti sei prestato a fare da garante, devi prendere sul serio il tuo ruolo. Dunque, è consigliabile informarti COSTANTEMENTE sullo stato delle rate scadute e in scadenza. Altrimenti potresti ritrovarti TU iscritto in Centrale Rischi a causa dell'insolvenza di altri.

Il garante deve essere pronto IN QUALUNQUE MOMENTO a raccogliere il testimone dell'intestatario del finanziamento ed, eventualmente, portare anche a termine il rimborso di questo. 

Esercitando eventualmente, in separata sede, nei confronti del "garantito" il diritto ad essere risarcito della somma pagata. 

Carlo De Rossi



Ti potrebbe interessare