È meglio chiedere un prestito in banca o a una finanziaria?

19.01.2024

Districarsi nel mondo dei prestiti, tra cifre, tassi, rate e requisiti, non è semplice.

E spesso la terminologia rischia di confondere ulteriormente le idee. Per questo motivo, a volte, è meglio ripartire dalle basi per fare chiarezza e compiere delle scelte sempre più consapevoli.

Spesso ci è stata fatta questa domanda: qual è la differenza tra una banca e una finanziaria? Potremmo essere portati a pensare che questi due termini siano sinonimi, ma non è esattamente così.

C'è differenza tra banca e finanziaria, così come c'è differenza tra i prestiti erogati dall'una e dall'altra.

Ma cosa li unisce e cosa li distingue? 

Il prestito bancario

Il prestito bancario è un finanziamento erogato da un ente che si occupa anche di altre attività, ad esempio la gestione dei risparmi e i depositi della clientela.

Da una parte quindi i servizi saranno maggiori, ma dall'altra c'è anche una minore specializzazione. I tassi applicati sono poco flessibili ed è più difficile che si adattino alle particolari condizioni del richiedente.

Per alcuni soggetti infatti è più difficile accedere al credito, proprio perché ci sono dei requisiti più rigidi. Inoltre, i tempi di erogazione sono in generale più lenti e con costi accessori maggiori. 

Il prestito delle finanziarie

A differenza delle banche, le finanziarie sono istituti di credito specializzati nell'erogazione dei prestiti. La loro attività si concentra esclusivamente su questo servizio, il che permette di studiare soluzioni su misura e alle più efficaci condizioni possibili.

I tassi di interesse dei prestiti delle finanziarie variano facilmente in funzione della somma richiesta, della durata del piano di ammortamento o del profilo di rischio del richiedente (età, anzianità lavorativa, stato di salute…), per andare incontro alle esigenze specifiche di chi richiede il finanziamento.

A proposito di profilo di rischio, le finanziarie tendono ad avere un sistema di scoring più oculato delle banche e possono dunque consentire l'accesso al credito anche a soggetti considerati a rischio.

Infatti, anche persone alle quali la banca dice no possono ottenere liquidità avanzando la stessa richiesta a una finanziaria. Questo dipende anche dalle caratteristiche del finanziamento stesso: la cessione del Quinto, ad esempio, può essere richiesta da lavoratori dipendenti e pensionati, senza la necessità di un'ipoteca o un garante e anche se in passato si hanno avuti problemi di pagamento.

Infine, solitamente le finanziarie concedono i prestiti in tempi più rapidi rispetto alle banche, grazie alla convenzioni con Ministeri e INPS. 

Conviene richiedere un prestito a una finanziaria o a una banca?

Se volete avere maggiori possibilità, sicuramente a una finanziaria.

Il prestito delle finanziarie mette a disposizione tempi di erogazione inferiori, una valutazione del prestito più puntuale e minori spese accessorie.

D'altro canto, il prestito bancario permette di appoggiarsi a un istituto di credito solido che offre più di un servizio ma meno specializzazione e meno flessibilità.

Chi decide di richiedere un prestito deve quindi valutare quali caratteristiche si adattano meglio alle proprie esigenze. 

In ogni caso, il consiglio è di assicurarsi che tutte le condizioni del prestito siano trasparenti e che permettano di godere della liquidità rapidamente e con maggiore serenità, valutando sempre la migliore opzione rispetto alle proprie esigenze. 

Hai bisogno di un prestito da una finanziaria? Verifica adesso qual è la soluzione migliore per te cliccando il pulsante qui sotto!

Ti è stato utile quest'articolo? Potrebbe interessarti anche...

Può trattarsi di un insperato premio di produzione in ufficio, di un rimborso "pesante" sulle spese mediche effettuate, di un'eredità inattesa, o di qualcosa che a malincuore hai venduto perché non lo usi più, e ne hai ricavato un bel gruzzolo.

Comprare casa è sempre una decisione importante e in tanti si chiedono in effetti quale sia la soluzione migliore tra prestito e mutuo. In entrambi i casi ci sono pro e contro da considerare attentamente.

Vendere roba usata su app ormai famose tipo Vinted o Wallapop? Il sentire comune ritiene quest'attività esentasse. Se finora la situazione era un po' più tranquilla, dal 2024 i controlli stanno aumentando sempre di più e in tanti devono fare i conti con le nuove regole.

Cash360 è un blog
Non è un mediatore creditizio e non offre consulenza su prestiti e finanziamenti
Il proprietario di questo sito Web può essere ricompensato in cambio del posizionamento in primo piano di determinati prodotti e servizi sponsorizzati o del clic sui collegamenti pubblicati su questo sito Web. Tale compenso può influire su come e dove i prodotti appaiono su questo sito (incluso, ad esempio, l'ordine in cui appaiono).


Per gli argomenti trattati nel blog, Cash360 non è responsabile per raccomandazioni, sponsorizzazioni e recensioni. Tutti i servizi, i loghi e i nomi delle società citate nel blog sono marchi di fabbrica ™ o registrati® dai rispettivi proprietari.  Il loro utilizzo non significa né suggerisce l'approvazione, l'affiliazione o la sponsorizzazione di o da parte di Cash360 o loro.

Contatti | Informativa Privacy | Informativa Cookie | Gestisci Cookie | Diritti interessati | Idioma Español