Che succede se non mi accettano un finanziamento?

26.05.2021

Il verdetto della banca a lungo atteso è arrivato

Speravi in buone notizie. Quel prestito ti sarebbe servito a sistemare, finalmente, casa, dopo che per anni si sono accumulati piccoli e grandi guasti.

Ci credevi perché avevi - ed hai - bisogno di ritrovare serenità, tornare a dormire la notte, e smetterla di angosciarti perché ti accorgi di stare procrastinando all'eccesso.

E invece l'istituto di credito ha respinto la tua richiesta senza troppi complimenti e soprattutto senza spiegazioni.

Di colpo, tutta la stanchezza, l'incertezza e lo stress dell'ultimo anno sono deflagrati, lasciandoti spossato, demotivato e frustrato.

" E adesso che faccio? A chi mi rivolgo? Dove li trovo i soldi?"

Se stai pensando di intraprendere una sorta di tour delle banche sperando che, per la legge dei grandi numeri, ce ne sia almeno una disposta a concederti liquidità, dovresti fare un passo indietro.

Vale a dire, chiederti COSA ha determinato il diniego, perché solo andando alla radice del problema c'è la possibilità - quantomeno sulla carta - di risolverlo, ed evitare di ricaderci.

Crif, il Grande Fratello che tutto sa di te

Hai pensato che forse la banca ti ha reputato scarsamente affidabile e solvibile perché in passato non hai onorato fino in fondo il rimborso di un mutuo, di un finanziamento, o magari poco tempo fa avevi già presentato una richiesta analoga e avevi già incassato un NO?

La buona notizia è che, se le motivazioni sono queste, puoi fare qualcosa.

 A specifiche condizioni e rispettando le relative tempistiche, infatti, la cancellazione dei propri dati dal Crif (uno dei principali database in cui sono conservati i dati inerenti la "fedina creditizia" di ognuno di noi) è fattibile.

Clicca qui per richiedere la tua visura 


Carlo De Rossi



Ti potrebbe interessare