Mutui e giovani: ecco perché è il momento buono

29.07.2021

Ogni situazione è un insieme complesso di luci e ombre, pro e contro

Come una medaglia che ha due facce, non sempre svela immediatamente quella nascosta

Ma quando lo fa, si profilano davanti a noi opportunità e vantaggi che non avevamo neanche osato immaginare. Un esempio? La pandemia di Covid19 esplosa lo scorso anno.

Morti, lavoro interrotto per mesi, metamorfosi della vita sociale, impossibilità di viaggiare. 

Sono state queste le ripercussioni più macroscopiche dell'irruzione del Coronavirus nelle nostre vite, ma oggi che il "picco" della pandemia sembra ormai alle spalle, tirando le somme, possiamo dire che, in alcuni frangenti, il prolungato blocco ha avvantaggiato i cittadini. 

Così, comprare casa, per molti, ha smesso di essere un'utopia, un miraggio, ed è diventato un progetto a portata di mano, o comunque decisamente più gestibile che in passato.

Il prezzo medio degli immobili è calato, e questo ha reso più accessibili e sostenibili i mutui. 

Anche in virtù del sostegno da parte dello Stato. Intesa San Paolo è stata una delle prime banche italiane a recepire questo approccio, e lanciare sul mercato due prodotti destinati ai giovani che vogliono mettere su casa. 

Rispettivamente, Domus Giovani 36 e un mutuo agganciato al Fondo di Garanzia Prima Casa.

Domus Giovani Under 36 consente di accendere un mutuo pari al 100% del valore dell'immobile e con durata massima di 40 anni (10 anni di preammortamento). Inoltre, è stata ampliata l'esenzione dell'imposta sostitutiva, che oggi riguarda anche gli under 36 con Isee maggiore di 40mila euro.

Il mutuo agganciato al Fondo di Garanzia Prima Casa, invece, garantisce la cancellazione dei costi di istruttoria e di incasso rata.

I due prodotti saranno disponibili fino al 30 giugno 2022

Clicca qui per richiedere 


Giuliana Ferri



Ti potrebbe interessare