Tassi minimi e zero spese istruttoria: perchè scegliere cessione quinto

16.07.2021

Una spesa non preventivata, ed il bilancio familiare, già in equilibrio precario, si compromette definitivamente

E non solo quello. 

Perchè spesso i problemi economici si ripercuotono anche sulla serenità del singolo, e la sua rete relazionale

A chi rivolgersi, quindi, per ottenere liquidità?

Se sei stata segnalato in Centrale Rischi, le banche ti sono precluse. Rischi di ritrovarti davanti ad un bivio e dover scegliere il male minore. 

Rinunciare alla tua privacy e chiedere aiuto ad amici e parenti (con i quali non necessariamente hai un buon rapporto), oppure cadere vittima di usura, finendo strangolato (in tutti i sensi) da tassi improponibili?

L'ancora di salvezza potrebbe essere la cessione del quinto, se sei un dipendente privato, pubblico/statale/militare, o un pensionato.

I vantaggi della cessione rispetto al classico prestito

In primis, la rata mensile di rimborso ti viene addebitata direttamente su stipendio o pensione, venendo quindi trattenuta alla fonte dal datore di lavoro o dall'ente previdenziale, per un importo massimo pari al 20% del totale.

Il rimborso può essere spalmato su un periodo compreso tra 24 mesi (2 anni) e 120 (10 anni). Gli interessi applicati sono a tasso fisso.

Il contratto di cessione del quinto, per legge, comprende anche un'assicurazione sulla vita o sull'eventualità di perdere il lavoro a carico della banca erogante. Inoltre, non sei obbligato ad attivare presso questa ANCHE un conto corrente per ricevere la somma.

"...e se ho bisogno di più soldi?"

In alcuni casi è possibile chiedere ed ottenere un incremento dell'ammontare del finanziamento previo contratto di delegazione del pagamento, che consiste nel raddoppio dell'importo trattenuto mensilmente su stipendio o pensione. Non un quinto, ben sì due quinti.

Clicca qui per richiedere la cessione del quinto per lavoratori dipendenti

Clicca qui se sei pensionato 


Carlo De Rossi



Ti potrebbe interessare