Come ottenere un prestito immediato?

06.11.2021

Per ottenere un prestito veloce e immediato per un esigenza improvvisa occorre considerare i tempi di istruttoria di una finanziaria.

In media dalla presentazione della documentazione ci vogliono dai 5 ai 10 giorni lavorativi. Questo perché occorre interrogare le banche dati come il CRIF o la Centrale Rischi di Banca d'Italia e verificare lo scoring creditizio.

E allora come faccio ad avere soldi subito?

Ecco le soluzioni per ottenere soldi immediati

  1. Prestiti da privati.
    Richiedere soldi a privati o amici è la soluzione più veloce. Occorre pensare che la disponibilità di amici può essere limitata a piccoli importi.
    Inoltre è sempre bene definire un tempo di restituzione da scrivere in un contratto semplice, come una scrittura privata.
  2. Prestiti su pegno. 
    Veloci e immediati sono i banco pegni sparsi su tutto il territorio nazionale. Si porta un oggetto di valore, si fa valutare e si ottiene denaro.
    Al rimborso dei soldi all'agenzia dei pegni, l'oggetto verrà restituito.
  3. Compro oro.
    Soldi veloci con la vendita di oggetti d'oro o d'argento. 
    Fino a 499€ il Compro Oro pagherà in contanti, oltre quest'importo con bonifico bancario o assegno. 

Cosa non fare

Ovviamente se servono soldi immediatamente, è inutile andare in banca. La burocrazia regna sovrana e si impiegherebbero 2 settimane solo per avere un esito.

Tra le finanziarie che promettono risposte in 1 giorno e tassi convenienti ne elenchiamo 2

  • COMPASS
    Promette risposte in 1 giorno ed il tasso massimo applicabile è il 12%.
    Per un importo di 10.000€ il rimborso andrà da un minimo di  12.000€ ad un massimo di capitale e interessi di  14.600€. 
    PER PROVARE CLICCA QUI »

  • Younited Credit
    La loro piattaforma online consente l'esito immediato e se le informazioni inserite saranno veritiere, la disponibilità del prestito avverrà entro 5 giorni.
    I tassi sono inferiori al 6%, ma possono arrivare anche al 2% se lo scoring creditizio è molto buono.
    PER FARE UNA SIMULAZIONE CLICCA QUI »


di Luigi Procelli