Richiesta di prestito rifiutata: quando posso farne una nuova?

26.01.2024

Avete bisogno urgentemente di un prestito ma la finanziaria a cui l'avete richiesto vi ha dato un esito negativo.

Come fare se, in qualche modo, siete rimasti bloccati in questo labirinto?

La soluzione c'è ma basta seguire determinate accortezze. Di seguito spiegheremo come sia possibile effettuare una richiesta a una nuova finanziaria in tempi brevi. 

Quali sono le cause per le quali non viene accettato un prestito?

Il presupposto è che, purtroppo, le banche e le finanziarie non forniscono mai la spiegazione di un rifiuto, soprattutto per gli istituti che collocano prestiti online, limitandosi esclusivamente a fornire al cliente una comunicazione tramite e-mail con la quale attestano la chiusura della richiesta: la liberatoria.

Ovviamente ci sono delle ipotesi in cui il rifiuto è scontato quali:

  • presenza di ritardi o mancati pagamenti segnalati sulle banche dati;

  • impossibilità nell'avere un reddito dimostrabile;

  • redditi insufficienti per richiedere il prestito;

  • richiesta eccessiva rispetto al reddito dimostrabile.

Inoltre, possiamo trovare delle ipotesi di esclusione quando siamo in presenza di redditi particolari come:

  • compensi per collaborazioni occasionali;

  • pensioni minime, sociali, cointestate, di esodo o di invalidità civile;

  • rendite da infortuni sul lavoro;

  • assegni di accompagnamento;

  • reddito di cittadinanza. 

Tutte queste entrate finanziarie, pur essendo perfettamente dimostrabili non sono tuttavia idonee ad essere considerate redditi validi, in quanto non sono stabili e continuativi oppure, come nel caso delle pensioni, è l'INPS stesso a stabilirne la non idoneità.

Tuttavia, c'è un altro motivo per cui un prestito non viene concesso: mancanza di storicità, in relazione a precedenti finanziamenti, può essere annoverata tra le più frequenti cause di rifiuto in una richiesta di prestito.

La mancanza di riferimenti sui comportamenti finanziari del richiedente viene considerata da molti istituti come un fattore di rischio, specie su importi elevati a cui, spesso, si ovvia con la richiesta di un garante. 

Quanto tempo devo aspettare dunque per fare una nuova richiesta?

In ogni caso, una richiesta di prestito non accolta non è per forza indice del fatto che non sia possibile essere finanziati in toto, perché questo può dipendere da determinate regole della specifica finanziaria che è stata contattata.

Tuttavia, è prassi che la richiesta non accettata venga portata all'evidenza del circuito finanziario attraverso una segnalazione visibile agli aderenti al SIC (Sistema di Informazione Creditizia). La segnalazione resta attiva per 90 giorni prima di essere cancellata in automatico.

Come procedere dunque per evitare problematiche e non accumulare segnalazioni di rifiuti sulle banche?Innanzitutto, sarebbe meglio richiedere un solo prestito alla volta, evitando di inserire troppe richieste contemporaneamente.

Ma, se proprio c'è bisogno di richiedere un altro prestito in breve tempo, tocca essere certi di aver ricevuto la liberatoria di mancata accettazione.

Chiaramente, meglio evitare una richiesta presso la stessa banca o finanziaria che ha negato il finanziamento in precedenza, nella convinzione che magari riducendo l'importo o cambiando la motivazione possano approvare il prestito, questo perché solitamente un rifiuto preclude la possibilità di inserire una nuova richiesta, se non trascorre un certo tempo - minimo tre mesi tra una richiesta e l'altra, ma non sono da escludere tempistiche più ampie, a volte fino a un anno.

Hai bisogno di richiedere un prestito? Clicca subito sul pulsante qui sotto e verrai indirizzato alla soluzione migliore per te.

Ti è stato utile quest'articolo? Potresti trovare interessante anche...

Può trattarsi di un insperato premio di produzione in ufficio, di un rimborso "pesante" sulle spese mediche effettuate, di un'eredità inattesa, o di qualcosa che a malincuore hai venduto perché non lo usi più, e ne hai ricavato un bel gruzzolo.

Comprare casa è sempre una decisione importante e in tanti si chiedono in effetti quale sia la soluzione migliore tra prestito e mutuo. In entrambi i casi ci sono pro e contro da considerare attentamente.

Vendere roba usata su app ormai famose tipo Vinted o Wallapop? Il sentire comune ritiene quest'attività esentasse. Se finora la situazione era un po' più tranquilla, dal 2024 i controlli stanno aumentando sempre di più e in tanti devono fare i conti con le nuove regole.

Cash360 è un blog
Non è un mediatore creditizio e non offre consulenza su prestiti e finanziamenti
Il proprietario di questo sito Web può essere ricompensato in cambio del posizionamento in primo piano di determinati prodotti e servizi sponsorizzati o del clic sui collegamenti pubblicati su questo sito Web. Tale compenso può influire su come e dove i prodotti appaiono su questo sito (incluso, ad esempio, l'ordine in cui appaiono).


Per gli argomenti trattati nel blog, Cash360 non è responsabile per raccomandazioni, sponsorizzazioni e recensioni. Tutti i servizi, i loghi e i nomi delle società citate nel blog sono marchi di fabbrica ™ o registrati® dai rispettivi proprietari.  Il loro utilizzo non significa né suggerisce l'approvazione, l'affiliazione o la sponsorizzazione di o da parte di Cash360 o loro.

Contatti | Informativa Privacy | Informativa Cookie | Gestisci Cookie | Diritti interessati | Idioma Español